2011-12-19

Nevica sulle ricerche di Google

Arriva il freddo e Google ci fa vedere come nevica sulla pagina di ricerca, provate a digitare sul campo di ricerca:
let it snow
ed avviare la ricerca, inizieranno subito a scendere fiocchi di neve sulla pagina che si imbiancherà. Passando con il tasto sinistro del mouse schiacciato pulirete come se lo schermo fosse un vetro innevato.
Alla pressione del tasto Defrost la finestra si ripulirà completamente ed i fiocchi di neve continueranno a scendere.

2011-12-17

Cosa significa # su Twitter - i tag hashtag

Su twitter esistono, sono anche molto usati, gli hashtag, delle parole precedute dal carattere # (hash).

#

Tag in italiano si traduce con etichetta, ovvero un bollino che viene apposto a qualcosa, e così in twitter si può aggiungere un bollino ad un tweet (cinguettìo). Avrete notato che leggendo i messaggi, le parole precedute da #, gli hashtag appunto, diventano dei link e come tali possono essere cliccati per eseguire automaticamente una ricerca per i più recenti tweet che riportano quel hashtag.
Quindi, per semplificare, si può intuire l'argomento di un tweet da eventuali hashtag presenti ed inoltre raggruppare i tweet tra di loro in base all'argomento.
Come al solito guardando come vengono utilizzati dagli altri si può imparare ad usarli in modo comprensibile e con parsimonia.
Inizialmente Twitter non prevedeva l'uso  degli hashtag ma poi la consuetudine di utilizzo ha portato gli sviluppatori della piattaforma ad interpretarli e renderli cliccabili.
Leggendo alla pagina http://www.mysocialweb.it/2009/04/23/piccola-guida-agli-hashtag-di-twitter/ ho appreso che sono in uso dal 2007 in occasione di un incendio, i post che riguardavano questo evento vennero contrassegnati con #sandiegofire.
Descrivo il particolare hashtag #ff  in questo post e in http://ant1-antuan.blogspot.com/2012/01/cosa-fare-e-cosa-non-fare-con-twitter.html la mia visione di Twitter, buona lettura!

2011-12-15

Grails 2.0 è tra noi

Oggi, 15 Dicembre, è stato rilasciato Grails 2.0.
La velocità di uscita di RC2 ed RC3 mostrava l'impazienza del team di sviluppo che sembra aver accelerato molto negli ultimi tempi.
Adesso è disponibile per il download alla pagina: http://grails.org/Download in cui si può scegliere il formato e la modalità di download preferita.

2011-12-05

Cosa significa #FF su twitter

Da un po' di tempo seguo e alimento (poco) Twitter, la piattaforma di messaggi brevi.
Oggi mi sono posto il quesito di cosa significhi #FF, oltre ad essermelo immaginato in base a come viene utilizzato dagli altri, ho cercato in giro per la rete ed il significato viene associato a Follow Friday, non so perché proprio Venerdì... ma se provate a digitare #ff nel campo di ricerca del sito hashtags.org, otterrete questa pagina: http://hashtags.org/ff in cui potrete notare che l'utilizzo di tale hashtag si impenna solo di venerdì; immagino che l'intenzione sia quella di non farlo in continuazione.
Viene utilizzato come un normale tag di Twitter ed il suo uso comune lo ha portato ad essere un metodo per segnalare ai propri "follower" chi seguire, è un metodo per presentare qualcuno ai propri amici.
Nel post http://ant1-antuan.blogspot.com/2011/12/cosa-significa-su-twitter-i-tag-hashtag.html tratto l'argomento hashtag, quelle parole che su twitter iniziano per #.
Nel post http://ant1-antuan.blogspot.com/2012/01/cosa-fare-e-cosa-non-fare-con-twitter.html ho riportato la mia visione di Twitter.

2011-12-03

Grails 2.0 ci siamo quasi - RC3

Ieri 2 Dicembre, è uscita la RC3 di Grails 2.0, alcuni bug della RC2 sono stati risolti ed il rilascio della 2.0.0 sembra sempre più vicino.
La versione 2 dell'ottimo framework mi fa tornare la voglia di utilizzarlo, dedicherò un po' di tempo per ambientarmi di nuovo con Groovy e Grails.
Ritengo Grails un ottimo strumento per realizzare prototipi di applicazioni WEB, quando i prototipi necessitano di essere promossi a progetti lo strumento regge ancora il carico e la grande massa di plugin disponibili agevola l'integrazione con tanti altri strumenti.

2011-12-02

Kindle in Italia - amazon.it apre il Kindle store

In un precedente post ho scritto che amazon.de ha aggiunto la vendita di Kindle, il lettore di libri digitali, e-book.
In chiusura mi chiedevo quando sarebbe successo nel corrispondente amazon.it e finalmente è successo!


Il Kindle a 99€ e spedizione gratuita, una sola versione ma è già un buon inizio.
Con questo si apre anche la vendita di libri digitali.

2011-11-23

EasyStroke con estensione multitouch per Arch Linux

Ho realizzato l'archivio con cui distribuire la mia patch di estensione di EasyStroke per multi touch.
La mia estensione è ancoraa in versione alfa, l'ho provata solo nel mio Acer Iconia Tab W500 con sistema Arch Linux e LXDE con OpenBox.
Non ho ancora avuto modo di provarla in altri ambienti ed altri hardware.
Riporto il link per scaricare la versione del giorno:
https://sites.google.com/site/ant1antuan/easystroke-multi-touch/easystroke_mt-20111123.tar.gz?attredirects=0&d=1

Nel video che segue mostro alcune figure che ho realizzato solo a scopo di verifica di riconoscimento per visualizzare la gesture riconosciuta, non ho associato alcun comando.


2011-11-22

Convertire un file di testo da UNIX a DOS con vim l'editor

La conversione di un file di testo da UNIX ( CR come fine riga ) a DOS ( coppia di CR-LF come fine riga ), può essere svolta in molti modi con i comandi UNIX.

Questa è la volta di vim l'editor.

L'esigenza è quella di aggiungere il carattere CR (Carriage Return) (codice ASCII decimale 13, esadecimale 0x0D) a fine riga prima del carattere LF (Line Feed) (codice ASCII decimale 10, esadecimale 0x0A).

Bene, una volta aperto con vim il file da convertire si può sapere se è già in formato DOS verificando la presenza dell'etichetta: [dos] subito dopo il nome del file che compare nell'ultima riga dello schermo, se compare vuol dire che il file è già in formato DOS. Se l'etichetta [dos] non compare va eseguito il comando:

    :set ff=dos<INVIO>

poi il file va salvato nel modo abituale*, alla successiva riapertura del file l'etichetta [dos] dovrebbe essere presente a dimostrare che il formato del file adesso è quello previsto da DOS.



Per l'inverso il comando da impartire è:

    :set ff=unix<INVIO>

che permette di eliminare il carattere CR alla fine di ogni riga al momento del salvataggio del file di testo.

* non ho indicato il modo per chiudere vim salvando il file perché dipende dai gusti personali, riassumo quelli che uso più spesso:

    :wq<INVIO>

    ZZ

    :x<INVIO>

2011-11-20

EMTEC s800h firmware 5412 e YouTube

Mi sono deciso! Ho aggiornato il firmware del mio ottimo s800h.
Ho aggiornato il bootloader e poi il firmware alla versione 5215. Poi vado a cercare qualche novità e trovo che nel frattempo, da quando avevo scaricato gli aggiornamenti, la EMTEC ha rilasciato altri due nuovi firmware, fino ad arrivare alla 5412. Ho prontamente scaricato l'ultima versione e l'ho installata.
Magia delle magie: YouTube c'è e funziona!
C'è anche il controllo remoto via WEB, dal browser ci si può collegare e comandare le funzioni del media recorder. Nulla a che vedere con quello che ho realizzato io, ma forse più elegante. E' possibile raggiungerlo con l'indirizzo: http://emtec:1024/remote_control.html se avete cambiato il nome di rete del dispositivo sostituitelo ad "emtec" nell'indirizzo, e se ancora non funziona mettete l'indirizzo IP che potete vedere nella configurazione di rete.
Alla pagina http://www.emtec-international.com/el-eu/firmware_s800h_el si trova tutto il necessario per gli aggiornamenti.

2011-11-09

Dimensioni scrollbar per touchscreen in Linux

Per il mio Acer Iconia Tab W500 con Arch Linux e LXDE / Openbox le scrollbar erano troppo piccole per le mie dita.
Le scrollbar sono utilissime per lo scorrimento in fase di visualizzazione, ma se sono troppo piccole è facile cliccare in un punto non desiderato; per la configurazione della loro dimensione sono ricorso al file
~/.gtkrc-2.0
quindi nella home directory dell'utente essendo preceduto da ~/
Al suo interno ho aggiunto il seguente contenuto:
style "scroll"
{
        GtkRange::slider-width = 30
}
class "*" style "scroll"
Con questa configurazione viene creato un nuovo stile denominato scroll in cui si imposta a 30 pixel la larghezza della scrollbar verticale o altezza della scrollbar orizzontale; infine lo stile scroll viene assegnato alle finestre di qualunque classe (con * si intente qualsiasi classe).
A me personalmente non è interessato cambiare la dimensione delle frecce nelle due direzioni per spostare le barre, non le uso mai, ma se lo ritenete necessario potete aggiungere:
GtkRange::stepper-size =30
subito dopo la riga di slider-width, la dimensione la potete scegliere a piacere, per vedere l'effetto fa effettuato logout e login di nuovo.

2011-11-06

Tablet Acer Iconia Tab W500 - Linux EasyStroke e patch per multitouch

Usando EasyStroke per il riconoscimento delle gesture ho notato la necessità di distinguere le gesture eseguite con una o più dita.
Ho iniziato da qualche giorno ad indagare sui sorgenti del progetto per comprenderne la logica e per cercare di interpretare i dati restituiti dal driver del touch eGalax del mio Iconia Tab W500.
Dopo una serie di modifiche e prove sono riuscito a rilasciare una patch che ho pubblicato sullo strumento di tracking del progetto EasyStroke su sf.net. Il ticket è il seguente:
https://sourceforge.net/apps/trac/easystroke/ticket/107

In questo video dimostro il funzionamento e mostro due esempi di utilizzo

2011-11-04

Chiedi a Google di rovesciarsi

In Google con il browser ci giocano, sono arrivati al punto che riescono a fare cose divertenti e nemmeno troppo invadenti. Questa volta vi propongo la rotazione della pagina, in pratica viene simulata la rotazione di un aereo sul suo asse. Provate a digitare nella casella di ricerca di Google:
do a barrel roll
e avviate la ricerca, vedrete comparire il risultato e la finestra inizierà a roteare.
Se avete la funzione di previsione dei termini di ricerca, vedrete iniziare a roteare la finestra ancor prima di aver avviato la ricerca.

2011-11-03

Tablet Acer Iconia Tab W500 - Arch Linux e EasyStroke per le gesture

Mai prima di ora mi sono trovato a mio agio ad utilizzare un programma per il riconoscimento delle gesture.
In passato ho già scritto della mia avversione all'utilizzo del mouse, con l'arrivo del monitor touch le cose sono un po' cambiate. Per il posizionamento del puntatore ho ancora qualche problemino, il fatto di coprire con il dito l'elemento da puntare non mi piace.
Con le gesture le cose cambiano, per eseguire un comando o una funzione di un programma è sufficiente disegnare sullo schermo un tratto specificato in precedenza ed il comando (o funzione) viene eseguito.


Per attivarlo subito dopo il login ho aggiunto nel file
.config/lxsession/LXDE/autostart
la seguente riga:
@/usr/local/bin/my_easystroke.sh
e creato il file /usr/local/bin/my_easystroke.sh con il seguente contenuto:
#!/bin/bash
easystroke --disable
 ho aggiunto l'opzione --disable per avviare il programma con il riconoscimento disabilitato, mi piace abilitarlo solo quando mi serve. L'ho reso eseguibile con:
chmod +x /usr/local/bin/my_easystroke.sh
 Nella versione originale l'attivazione e disattivazione si esegue facendo click con il tasto destro sulla tray icon che ne visualizza lo stato, con il click sinistro si attiva il menu di gestione del programma. In un sistema touch il tasto destro non è molto agevole, avrei preferito che fossero invertiti i due tasti, per questo ho realizzato una patch che ho inviato su sf.net al gestore del progetto, per utilizzare il tasto sinistro per abilitare e disabilitare il riconoscimento.

Quello che mi piacerebbe che facesse EasyStroke è riconoscere se la gesture è stata disegnata con uno, due o più dita, in modo da aumentare di tanto le possibilità di utilizzo.

2011-11-02

Tablet Acer Iconia Tab W500 - Arch Linux e la rotazione dello schermo

Con il mio tablet vanno avanti le sperimentazioni ed ho installato i driver video proprietari, so che non è molto Open ma non essendo un fondamentalista il fatto per me è accettabile.
L'installazione dei driver va eseguita con
pacman -S xf86-video-ati catalyst

* In fondo all'articolo ho riportato alcune note per i problemi di compatibilità dei driver con il server X

Resi funzionanti i driver ATI, ho realizzato quattro script per la rotazione dello schermo.
Per la rotazione verso sinistra:

2011-11-01

Conversioni da esadecimale, binario e ottale a decimale in bash

In bash c'è un costrutto sintattico molto utile per eseguire calcoli, è assimilabile al meccanismo di sostituzione delle variabili:
$((7+5))
nella linea di comando verrà sostituito con 12, per visualizzarlo andrà preceduto dal comando echo:
echo $((7+5))
gli operandi delle espressioni possono essere forniti in diverse basi numeriche, i numeri forniti con 0 come prima cifra saranno interpretati come numeri ottali (in base 8), quelli prefissati da 0x come esadecimali (base 16) e quelli che iniziano per le cifre da 1 a 9 come decimali (base 10).
Per ottenere la conversione in decimale da ottale o esadecimale è sufficiente inserire tra le parentesi il numero da convertire prefissandolo come previsto per indicare la base corretta:
$((0x400))
oppure
$((02000))
per ottenere 1024.
Ogni altra base può essere specificata prefissando con la base seguita dal carattere #, ad esempio per esprimere un numero binario:
$((2#100))
$((4#10))
per ottenere 4.
Se si deve eseguire un calcolo con bsi miste si può liberamente indicare ogni numero con la sua propria base secondo la convenzione descritta.

Il capitolo 42 del manuale di vim l'editor

In pochi avranno fatto uso del manuale in linea di vim, ma è giusto sapere che è ricco di informazioni suddivise in molti capitoli.
Il capitolo 42 affronta l'aggiunta di menu, devo riconoscere ch si tratta di un argomento avanzato. In fondo al capitolo c'è una bizzarra frase alla quale si può arrivare direttamente digitando il comando:
:help 42
oppure la sua forma contratta:
:h42
il numero 42 è "La risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto" restituita, dopo un'elaborzione di sette milioni e mezzo di anni, da un supercomputer costruito appositamente, nel romanzo Guida galattica per gli autostoppisti.

2011-10-28

Backup del file aperto con vim l'editor

Molte volte mi capita di aprire un file per modificarlo e solo dopo aver iniziato le modifiche mi ricordo di voler mantenere la versione originale in una copia del file.
Fortunatamente mi ricordo subito prima di salvarlo ed allora ricorro al seguente comando:
:!cp % %.orig
con questo comando si esegue una shell fornendo il comando cp con due parametri: il primo il nome del file aperto con vim, il secondo parametro è lo stesso nome del file con l'aggiunta di un suffisso .orig

2011-10-27

La calcolatrice di vim l'editor

Anche vim ha una calcolatrice.
In principio potrebbe sembrare inutile, visto che ogni sistema operativo, in modalità grafica e non, mette a disposizione un programma per eseguire calcoli.
Il solo fatto che sia disponibile una calcolatrice direttamente nell'editor permette di velocizzare il lavoro quotidiano:
Ctrl-R=
ci si accede digitanto questa sequenza di caratteri quando si è in modalità inserimento oppure nella modalità ed, quella in cui si entra digitando i due punti ':'.
Il cursore si posizionerà in fondo allo schermo in attesa di un'espressione da valutare e una volta premuto INVIO il risultato verrà inserito nel punto in cui si stava digitando.
Oltre al fatto che non si debba ricorrere all'apertura di un nuovo programma di calcolatrice, ritengo molto interessante il fatto che ci si ritrovi a "sporcare" la clipboard per eseguire un calcolo in un programma esterno e poi copiare il risultato.

2011-10-09

Addio a Dennis Ritchie

Un altro personaggio importante ci ha lasciati.
Dennis Ritchie, merita un saluto particolare, senza foto e senza tante parole.
Basta una parola ed una lettera:
Unix
C
... ed un po' di codice:

main()
{
      printf("Goodbye world\n");
}

2011-10-06

Addio a Steve Jobs


Non sono un utente esperto dei dispositivi Apple. Ho un iPod nano che fa il suo lavoro perfettamente ed un iMac che si integra bene all'arredamento e permette di utilizzare l'informatica per uso domestico, li tratto come dei semplici elettrodomestici. E' proprio lì la loro forza, semplici da usare ed immediati da capire, ho dovuto temporaneamente dimenticare quello che ho appreso in decenni di informatica per comprendere meglio il comportamento da tenere per usare iOS, dopo un breve sforzo ce l'ho fatta. Da circa 7 anni convivo con un iMac, prima un G5 e poi quando un fulmine me lo ha ridotto in condizioni pietose sostituito con un Intel.
Mi sento di dedicare questo post a Steve Jobs che ritengo essere un rivoluzionario dell'informatica, l'ha plasmata sulle esigenze dell'utente, meglio: sulle esigenze che riteneva importanti. Poi la moda, il marketing e chissà cos'altro hanno fatto il resto.

Addio Steve!

2011-10-05

Si salvi it.wikipedia.org e tutto il web

La sezione italiana di wikipedia ha sospeso il servizio di consultazione e modifica dei contenuti per protestare contro il comma 29 della legge "bavaglio".
Il comma in questione, per garantire il diritto di replica, impone ad ogni pubblicazione on-line l'obbligo di pubblicare l'eventuale dichiarazione o rettifica richiesta da parte da chiunque si senta leso dal contenuto pubblicato.
Ogni blog o sito web è assoggettato a questo dovere.
Ritengo che il diritto di replica sia sacrosanto ma la replica incondizionata mi sembra eccessiva.


Mi associo alla protesta.

2011-09-27

Eliminare gli spazi a fine riga con vim

Editando un file di testo con vim l'editor può capitare di inserire degli spazi in fondo alla riga, dato il tipo di visualizzazione, questi spazi possono sfuggire ed allora se non si ha l'accortezza di evitarlo durante la digitazione si può ricorrere ad uno dei comandi disponbili per toglierli tutti in un solo colpo.
:%s/\s\+$//
La magia è presto spiegata
: serve per entrare in modalità comando ed
% indica di agire sulle righe dell'intero file
/ delimita l'inizio del testo da cercare
\s indica gli spazi o i caratteri di tabulazione
\+ definisce la quantità di caratteri definito da \s ovvero 1 o più
$ indica che il testo cercato deve trovarsi a fine riga
/ delimita la fine del testo da cercare e l'inizio del testo da sostituire a quello cercato
/ delimita la fine del testo da sostituire a quello cercato

Tradotto in termini più comprensibili: sostituisci qualsiasi serie di tabulazioni o spazi in fondo alla riga con niente, ovvero: eliminala.

Finestre musicali

Anche le finestre possono servire per fare musica, nel modo meno gradito, ma ne fanno.

2011-09-26

Quota 6000

Mi è capitato di collegarmi al blog ed ho visto il numero tondo... non potevo ignorarlo...

2011-09-14

Comandi vim per gestione testo racchiuso

Con Vim si possono effettuare agevolmente modifiche di testo racchiuso da particolari delimitatori com parentesi oppure apici. Per eseguire la modifica di una stringa delimitata da virgolette ( doppi apici ) ci si può posizionare in uno qualsiasi dei caratteri della stringa e, in modalità comando, digitare ci" ed inserire il nuovo testo da inserire nella stringa. Allo stesso modo se si vogliono modificare i parametri passati ad una funzione, posizionarsi all'interno delle parentesi tonde, digitare ci( e digitare i nuovi parametri per la funzione.
Lo stesso funziona per l'apice singolo, le parentesi graffe e quadre ed i caratteri < e > molto usati nei linguaggi di markup. Il testo da modificare può essere anche posizionato su più righe.
Oltre alla modifica questo sistema di selezione del testo può essere utilizzato per la cancellazione utilizzando la d invece della c oppure per la copia con y per poi incollarlo con p dalla posizione del cursore.

Vedere anche gli altri post che riguardano vim.

2011-09-08

Il movimento del puntatore del mouse ;-)

Il puntatore del mouse viene spostato da un meccanismo complesso, lasciando il tempo necessario al caricamento, alla comparsa del cerchio grigio ci si deve passare sopra con il proprio puntatore.

Bash e correzione di un lungo nome di file

Se con la shell bash capita di aver creato un file con il nome sbagliato si ricorre al comando mv
mv nome-lunghissimo-e-difficile-da-scrivere-corrotto nome-lunghissimo-e-difficile-da-scrivere-corretto
Non a caso ho scelto questi due nomi in cui la differenza consiste di una sola lettera in quanto gli errori di digitazione d solito sono brevi, la potenza della bash permette di utilizzare un metodo alternativo:
mv nome-lunghissimo-e-difficile-da-scrivere-corr{o,e}tto
In questo modo al comando mv vengono passati due nomi, il primo con la lettera o al posto del pezzo con le graffe, il secondo con la e. Non sempre puo' risultare comodo ma in alcun casi l'ho trovato impagabile... essendo poi open source... effettivamente lo e'.

Tablet Acer Iconia Tab W500 - Arch Linux e click destro

Nei precedenti articoli ho affrontato la personalizzazione di ArchLinux che ho praticato per rendere un po' piu' fruibile il touchscreen.
Una funzione assente e particolarmente utile e' il click destro, che e' possibile solo se si ha a disposizione la tastiera-dock; un tablet che si rispetti deve avere tale funzionalita' e per il momento ho risolto con mousetweaks.
Per l'installazione:
pacman -Sy
pacman -S mousetweaks
Mousetweaks permette di aggiungere alcune funzioni o trucchetti all'utilizzo del mouse e quello che devo utilizzare e' attivabile con l'opzione --ssc che simula il click del tasto destro se il sinistro e' mantenuto premuto per un determinato tempo specificato con l'opzione  --ssc-time=1.2 per un tempo di un secondo e 2 decimi che ritengo accettabile. Il valore del tempo deve essere compreso tra mezzo secondo e 3 secondi, come indicato nella pagina di manuale. L'opzione --daemonize permette di eseguire il programma come demone, come un servizio ( per chi e' poco unix-speaking ).

Nel mio LXDE faccio partire da ~/.config/lxsession/LXDE/autostart uno scipt che ho creato in /usr/local/bin/my_mousetweaks.sh e contiene:


mousetweaks --daemonize --ssc --ssc-time=1.2
L'unica controindicazione che trovo in questa soluzione e' il click sinistro che viene intercettato dalle applicazioni nel momento in cui si inizia a toccare lo schermo ma il problema e' sensibile solo nell'utilizzo con il browser se si vuole fare click con il destro in un link

2011-09-02

Clipboard e bash con xclip

Mi capita spesso di dover copiare da e verso la clipboard dalla shell ma non sempre risulta comodo ed utile farlo con Ctrl-INS oppure con il tasto centrale del mouse. A volte la necessità è quella di inserire in un file una parte del contenuto di un messaggio di posta elettronica. Per questo c'è xclip, il suo compito è quello di leggere ( richiamandolo senza opzioni ) oppure scrivere ( richiamandolo con l'opzione -o ) del contenuto della clipboard fornita da X.
Supponiamo di dover selezionare con grep le righe di un messaggio di posta elettronica che contengono un particolare indirizzo IP possiamo utilizzare, dopo aver copiato in clipboard le righe interessate:
xclip -o | grep 10.0.0.1
Se dovessimo invece spedire in chat l'output di un comando come la lista dettagliata dei file in una directory:
ls -l | xclip
e poi si può incollare nella finestra della chat il contenuto

2011-08-29

Tablet Acer Iconia Tab W500 - LXDM e xvkbd

Nel precedente articolo Acer Iconia Tab W500 - Arch Linux installazione e prime configurazioni ho presentato la mia personalizzazione di ArchLinux per l'utilizzo del table ibrido Acer.
Adesso voglio riportare la configurazione di LXDM per permettere la comparsa della tastiera virtuale per permettere di inserire il nome utente e la password per il login.

LXDM permette di definire alcuni script per l'esecuzione di comandi nei vari momenti che precedono e che seguono la richiesta dell'autenticazione. Con uno di questi facciamo comparire la tastiera xvkbd e si tratta di /etc/lxdm/LoginReady , lo rendiamo eseguibile con chmod +x /etc/lxdm/LoginReady (grazie Claudio) e lo riempiamo come segue:
#!/bin/sh
/usr/local/bin/my_xvkbd.sh &

Il comando richiamato dallo script consiste a sua volta in uno script che ho posizionato appunto in /usr/local/bin/my_xvkbd.sh che per prima cosa uccide una eventuale altra istanza di xvkbd e poi se non è stato richiamato con il parametro stop ne fa partire una nuova dopo una breve attesa, le dimensioni sono fissate a dei valori che permettono il facile utilizzo con le dita. Questo è il suo contenuto:

#!/bin/sh
pkill -9 xvkbd 2>/dev/null
if [ "$1" != stop ]
then
  sleep 2
  /usr/bin/xvkbd -g "1000x300+0+0"
fi
E' importante rendere eseguibile tale script con il comando chmod +x /usr/local/bin/my_xvkbd.sh

Lo script /etc/lxdm/PreLogin si occupa di chiudere il processo utilizzando appunto il parametro stop e questo il suo contenuto:
#!/bin/sh
/usr/local/bin/my_xvkbd.sh stop &

Queste modifiche permettono la comparsa della tastiera virtuale al primo login ma non ai successivi, per questo va utilizzato lo script /etc/lxdm/PostLogout con lo stesso contenuto di /etc/lxdm/LoginReady.

Come ho già accennato nell'articolo precedente, il pacchetto lxdm di ArchLinux soffre di un leggero problema che porta alla sovrascrittura degli script in caso di aggiornamento, quindi consiglio di tenere una copia dei degli script modificati che si trovano in /etc/lxdm. Ho provveduto a segnalare il problema e conto che venga risolto al prossimo aggiornamento del pacchetto.

2011-08-20

Tablet Acer Iconia Tab W500 - Arch Linux installazione e prime configurazioni

Come ho già anticipato qualche post fa, ArchLinux è la distribuzione che in questo periodo ritengo più adatta alle mie esigenze, in seguito all'acquisto del tablet ibrido Acer Iconia Tab W500 ho subito fissato l'obiettivo di installarci Linux e così ho fatto.
Per essere sincero c'è stato un fatto che mi ha fatto agire d'impulso ed installare Linux rimuovendo integralmente ciò che c'era installato ( Windows 7 con software aggiuntivo Acer ). Qualche giorno dopo l'acquisto ho acceso il tablet con l'intento di liberare spazio su disco e ridurre la partizione esistente per fornire spazio al nuovo ospite. Al momento del riavvio ho atteso 10 minuti per l'installazione di un aggiornamento, uno dei 34 che avrebbe eseguito se non lo avessi spento brutalmente con l'intento di eliminare Windows. Se non avessi reagito in modo violento contro il sistema opertivo proprietario preinstallato, lo avri tenuto fino al momento in cui la configurazione mi avrebbe permesso un uso comodo del tablet, quindi forse qualche mese, così ho ristretto i tempi.

2011-08-13

Tux Paint - Grafica per bambini e per adulti incapaci

Tux Paint è un bellissimo programma studiato per permettere ai bambini di disegnare con il computer divertendosi come sanno fare i bambini.

L'interfaccia è semplice ma permette con pochi click di raggiungere sempre le operazioni desiderate, ha un'ampia gamma di timbri per disegnare delle figure già pronte ed una serie di pattern per i riempimenti. Sul sito sono dispobili ricche raccolte di nuovi timbri.
Molto belli gli effetti sonori stereofonici, difficilmente presenti in un programma di grafica, disegnando con la matita una riga da destra verso sinistra se ne sente il rumore che segue il movimento, il suono passa dalla cassa destra a quella sinistra.
E' disponibile per Linux, su molte distribuzioni, per Mac OSX, e per Windows nelle varie versioni.
Sono convinto che per fare grafica, buona grafica si debba essere capaci, altrimenti escono solo brutte immagini ma con questo programma si riescono a tirare fuori delle immagini guardabili anche se si è veramente negati.

2011-07-30

XBMC e touchscreen

XBMC è un ottimo programma da utilizzare per la riproduzione di contenuti multimediali ed è altamente configurabile ed espandibile.
Provando ad usarlo con Linux (distribuzione archlinux) non riuscivo a comandarlo con il toucscreen, ma googlando un po' ho scoperto una soluzione che propone di aggiungere uno script che richiami xbmc dopo aver impostato la variabile di ambiente SDL_MOUSE_RELATIVE al valore 0

2011-07-22

Doodle di oggi dedicato ad Alexander Calder

Per le informazioni in merito allo scultore al quale è stato dedicato il doodle di oggi rimando alla pagina di it.wikipedia.org e alle ricerche disponibili in Google stesso.

La cosa che mi sarebbe sfuggita, se non fossi curioso come una scimmia, è la possibilità di far girare a mio piacimento le foglie dell'animazione proposta dal doodle.
Passando con il mouse vicino ad una delle foglie compare un puntatore che denota la possibilità di muovere un oggetto, drag-and-drop ed il gioco è fatto, la scultura la muovo io!
La discrezione con cui vengono proposti i doodle è sempre stupefacente.

2011-07-15

P9o UJ - Programma non ufficiale di Umbria Jazz su Android

Ho pubblicato la prima applicazione sul market di Android.
Ha una scarna interfaccia con nessuna immagine in quanto non ho ricevuto risposta alla mia richiesta di utilizzare quelle presenti nel sito.
Gli orari, gli artisti e i luoghi sono copiati, spero senza errori, dal PDF del programma disponibile nel sito. Ho pensato all'ultimo momento di realizzarla e di pubblicarla, ho fatto tutto nel giro di poche ore.
Spero che possa servire a qualcuno.

2011-07-13

Bash script per effetto matrix, poi multicolore

Leggendo i cinguettii ho notato un post interessante sull'utilizzo di bash per la generazione di un rudimentale effetto Matrix, intendo quelle schermate in cui dei caratteri verdi scorrevano verso il basso...


tr -c "[:digit:]" " " < /dev/urandom | dd cbs=$COLUMNS conv=unblock | GREP_COLOR="1;32" grep --color "[^ ]"

provare per credere.

Guardandolo con il mio amico/collega Gianni per decifrarne il funzionamento e tratte le varie conclusioni ho raccolto la sua sfida: Adesso andrebbe modificato per far comparire i numeri pari di un colore ed i dispari di un altro colore
Nessun problema! dico io, aggiungo un grep dopo aver impartito il valore always all'opzione --color per colorare anche in caso di output in pipe:
tr -c "[:digit:]" " " < /dev/urandom | dd cbs=$COLUMNS conv=unblock | GREP_COLOR="1;31" grep --color=always "[02468]" | GREP_COLOR="1;32" grep --color=always "[13579]"
Ops... non funziona... ma perché?
Perché ho scelto di colorare di rosso i numeri pari e poi di verde i dispari, allora provo ad invertire, dispari rosso e pari verde:
tr -c "[:digit:]" " " < /dev/urandom | dd cbs=$COLUMNS conv=unblock | GREP_COLOR="1;31" grep --color=always "[13579]" | GREP_COLOR="1;32" grep --color=always "[02468]"
La trappola era la presenza delle cifre dispari nella sequenza di caratteri che colorano l'output, tale sequenza veniva di nuovo colorata dal secondo grep.

2011-07-11

Qualcuno ha cancellato e ricreato la directory corrente? Niente paura!

In Unix la cancellazione di un file aperto da qualche processo è permessa perché consiste sono nell'eliminazione del suo riferimento in una directory ma il file seguita ad esistere fino a quando qualche directory ha un suo riferimento oppure qualche processo lo mantiene aperto. Anche una directory può essere cancellata se qualche processo ce l'ha come directory corrente, se provate a creare una directory di prova /tmp/prova, vi ci spostate e provate a cancellarla vi viene permesso e tentando di leggere il contenuto della directory con ls non si ottiene nulla* Nella shell corrente il percorso corrente rimane impostato, anche se in una directory inesistente, ma se ricreiamo la directory il problema permane in quanto quello che è stato memorizzato è il file della directory corrente precedente che non esiste più. A questo punto si dovrebbe rieseguire il comando cd per riposizionarsi nella nuova directory. Tornare indietro di una non si può, il comando cd .. non può funzionare in quanto non esiste più il riferimento nella directory corrente, va rieseguito il comando cd con il percorso assoluto e se si tratta di un lungo percorso può essere noioso. In questa condizione possiamo eseguire ancora il comando pwd per reperire il percordo della directory corrente, la shell risponde in maniera corretta. Quindi una soluzione comoda è eseguire il comando cd $(pwd) che costringe il comando cd a ripercorrere tutto il percorso necessario da / per riposizionarsi ma non siamo costretti a digitare di nuovo tutto quanto.

* i comportamenti variano tra le diverse implementazioni e versioni di Unix.

2011-07-08

Bellissimo video di "preview" di iOS 5 ;-)

Nel video che propongo oggi si potranno apprezzare tutte le nuove caratteristiche che vedremo ( ? ) nelle prossime versioni di iOS.
Exclusive Preview on iOS 5 ah ah ah ah

Aggiunta l'elettronica su amazon.it - per Kindle quanto dovremo aspettare?

Ho letto oggi la notizia che Amazon ha aggiunto il settore elettronico nel sito di vendita on-line per l'Italia.
Ci sono ben 250.000 prodotti tra elettronica informatica e videogiochi, bene, rimango ancora in attesa di Kindle, il lettore di e-book. Posso comprendere che il mercato dell'editoria elettronica in Italia non sia fervente, ma finché non si diffonderanno in modo ragionevole gli strumenti per leggere i libri senza dover trascinare chilogrammi di carta e distruggere foreste, il mercato non ferverà.
Ho avuto modo di provare per un paio di giorni il Kindle e devo dire che lo trovo ottimale per leggere, addirittura ha un servizio sperimentale di accesso ad internet che mi ha permesso di leggera la posta da Gmail e addirittura consultare le Google Maps.
Bene, l'attesa continua, vedremo per quanto.

2011-07-06

Acer Iconia Tab W500 - Primo utilizzo

Come promesso nei precedenti post: Acer Iconia Tab W500 - Acquisto / Apertura confezione ho pubblicato il video del primo utilizzo che riporto anche nel blog:

Acer Iconia Tab W500 - Rotazione schermo

Dopo una serie di utilizzi sporadici del mio nuovo tablet ho messo in dubbio il corretto funzionamento della rotazione dello schermo.
Come si vede nei video che ho pubblicato in precedenza, i manuali di utilizzo non li leggo quasi mai, e mi ritrovo a scoprire caratteristiche e modalità di funzionamento della tecnologia che acquisto con l'esperienza personale o per letture casuali.
Come buon tablet l'Iconia dovrebbe ruotare lo schermo quando lo si ruota in modo da visualizzare sempre i contenuti in verticale; il mio non lo faceva, possibile che fosse rotto? Non è possibile!
Bene, mi metto davanti a Google e chiedo... non sarò stato il primo ad avere avuto un problema simile: "Iconia Tab W500 does not rotate". Dopo qualche link inutile mi imbatto nella soluzione:
c'è un interruttore con il simbolo di un lucchetto vicino alla porta USB sul lato inferiore del tablet che permette di bloccare la rotazione se per qualche, legittimo, motivo non la si vuole.

Acer Iconia Tab W500 - Apertura confezione

Come promesso nel precedente post Acer Iconia Tab W500 - Acquisto ho pubblicato il video dell'apertura della confezione e quindi mi sembra doveroso riportarlo anche nel blog. La qualità è quella che ci si può aspettare da un neofita nella videoregistrazione, post produzione ecc.



Acer Iconia Tab W500 Unpacking

2011-07-05

Acer Iconia Tab W500 - Acquisto

Con l'intenzione di rinnovare un po' di hardware ho ordinato qualche giorno fa il nuovo tablet che vuole essere anche un PC, oppure viceversa un PC che vuole essere un po' tablet.
Ad ogni modo pensando che un tablet sarebbe stato un altro pezzo da portarsi dietro in aggiunta al mio netbook ( Msi Wind U100 ) ed il mio cellulare Android ( HTC Magic ), ho deciso di approdare in questo modello per ora innovativo ma che a breve penso che possa avere un mercato tale da sostituirsi ai netbook.
La soluzione ibrida consente, secondo me, di essere utilizzato da quanti come me non si accontentano di tablet orientati alla fruizione di contenuti ma che hanno necessità di creare contenuti, che siano documenti, programmi o quanto altro.
Per ora non ho fatto tanto con Iconia, l'ho tolto dalla scatola, acceso e configurato per il primo utilizzo e navigato un po' in Internet per provare l'esperienza d'uso. Per l'apertura della scatola ed il primo utilizzo ho provveduto a filmare per realizzare due dei primi video che pubblicherò su YouTube, sono adesso in corso di miglioramento ( si fa per dire ) per renderli almeno guardabili. Appena avrò terminato la minimale fase di post-produzione pubblicherò i link.
Un'altra attività che ho svolto con il mio Iconia è stato il tentativo di far partire un Linux e vedere che tipo di supporto può avere l'hardware ma la prima difficoltà è il riconoscimento della porta Ethernet presente nella tastiera/docking e quindi collegata, penso, tramite USB che al momento non sembra supportata dal kernel 2.6.39, il prossimo tentativo sarà con il WiFi e avrò modo di aggiornare il blog. Devo dire che l'idea di utilizzare Windows 7 non mi attira tanto, dopo i primo contatti non sono soddisfatto, ero riuscito a starne alla larga fino ad ora ma l'acquisto di un PC con hardware particolare potrebbe costringermi ad utilizzarlo, spero di no!

2011-06-29

Sequenze di comandi con la shell

Da sempre la shell Unix ha permesso di impartire sequenze di comandi che avessero qualche correlazione tra di loro, le correlazioni sono molteplici e proverò con questo post a descriverle.
Il primo modo per impartire una serie di comandi è di digitare i comandi uno di seguito all'altro terminando ognuno con ENTER, con la shell interattiva il comando successivo viene eseguito al termine del comando precedente ma non prima di aver premuto il tasto ENTER che lo sottomette. Per evitare il tempo di attesa tra la fine del primo comando e la pressione del tasto ENTER per il successivo si può iniziare a digitare il comando anche prima della comparsa del prompt da parte della shell ma non sempre si riesce ad essere sufficientemente veloci; a tal proposito si possono digitare i comandi separati da punto e virgola ( ; ) e premere ENTER solo alla fine dell'ultimo. In questo modo i comandi verranno eseguiti uno di seguito all'altro senza attese. Esempio per consultare l'orario prima e dopo l'esecuzione di una copia di directory:
date ; cp -a src_dir dst_dir ; date
L'esecuzione dei comandi successivi può essere condizionata in base all'esito del precedente: separando con && due comandi si condiziona l'esecuzione del secondo in base all'esito del primo, se il primo si conclude positivamente allora viene eseguito anche il secondo. Ricordo che per esito positivo si intende che l'exit code del programma deve essere 0 ( zero ), l'exit code di un programma può essere verificato con la shell utilizzando la variabile predefinita $? . La sequenza di comandi può essere lunga a piacere. Esempio di comando condizionato dal precedente, se la compilazione si completa positivamente si può eseguire il programma:
cc -o prova prova.c && ./prova

Il condizionamento di esecuzione può essere anche invertito con || in modo tale da eseguire il secondo solo se il primo è fallito ( quindi exit code diverso da zero ). Esempio di comando alternativo eseguendo telnet se ssh fallisce, si sa che è preferibile ssh a telnet ma in sua assenza...:
ssh server || telnet ssh
I programmi possono essere eseguiti anche contemporaneamente separandoli con & che permette di eseguire il secondo appena iniziata l'esecuzione del primo, senza attenderne la fine. Esempio di esecuzione contemporanea di cancellazione di un file grande e la copia di un altro:
rm /tmp/grande_file & cp /tmp/altro_file /altrove/altro_file
Terminando con & l'ultimo ( o l'unico ) comando si ottiene di nuovo il prompt appena avviato il comando in modo da poter interagire subito di nuovo con la shell.
Un altro modo molto utilizzato per definire una sequenza di comandi è quello che redirige l'output ( che normalmente finirebbe sullo schermo ) come input ( normalmente la tastiera ) del comando seguente, per fare ciò si separano i due comandi con | ed i due programmi verranno eseguiti contemporaneamente con il sistema operativo che passa i dati in uscita dal primo nell'ingresso del secondo. Esempio di calcolo di occupazione di spazio su disco dei file o directory in ordine crescente di occupazione:
du -s * | sort -n

2011-06-23

Correzione comando precedente in bash

Nel post precedente Esecuzione del comando precedente con sudo in bash ho esposto un tipo di utilizzo della history delle shell con particolari riferimenti a bash, la tecnica esposta utilizza la scorciatoia !! che corrisponde al comando precedente.

Questa volta il comando precedente andrà modificato per essere eseguito con qualche correzione, il caso più frequente che mi si presenta è quello in cui devo verificare il contenuto di un tarball ( un archivio in formato tar di solito compresso con gzip o bzip2 ) e poi estrarne il contenuto.

2011-06-22

Android e Arduino nello spazio

Android e Arduino sono partiti!
al link:
http://blog.makezine.com/archive/2010/07/nexus-onearduino-smallsat-satellite.html potete assistere ad un video realizzato con un "googlefonino" lanciato con un razzo a 28.000 piedi di altezza.
Video davvero da non perdere!

Grazie al mio amico Gianni per la dritta

2011-06-18

Linux PC in browser

Un bellissimo esempio di utilizzo di JavaScript, Bellard é l'autore come é autore di ffmpeg e altri progetti di notevole rilievo.
In una pagina WEB, tramite codice JavaScript ha realizzato un emulatore di architettura x86 e in questo emulatore viene caricato un Linux minimale ma perfettamente funzionante e ad una velocità decorosa.



2011-06-16

Codici a barre EAN-13 e EAN-8 con HTML CSS e font TrueType

Nel precedente post Barcode, EAN-13, EAN-8, Font TrueType, OpenOffice ho trattato la generazione di codici a barre di tipo EAN-13 ed EAN-8 sulla base di un foglio di calcolo OpenOffice pubblicato nel suo blog da Matteo Moro, che colgo l'occasione per ringraziare di nuovo. Questa volta voglio proporre una soluzione alternativa per utilizzare lo stesso font utilizzato in precedenza, voglio passare per HTML e CSS, per quanto riguarda la generazione dei caratteri rimando all'analisi delle formule presenti nel foglio di calcolo del post precedente, per il mio utilizzo specifico la necessità é stata quella di generare da un programma in Visual C++ il codici HTML che utilizzi un foglio di stile che faccia diventare le stringhe generate in codici a barre.

Arch Linux e Lxde

Dietro consiglio del mio amico Roberto mi ritrovo da qualche giorno impegnato a provare la distribuzione Arch Linux.
Quello che mi ha entusiasmato prima di provarla è stato il fatto di essere una Rolling Release, ovvero è la stessa versione in continuo sviluppo, un po' come con Debian quando scegli unstable, testing o stable, non ne posso più di dover passare a nuova versione per mantenere aggiornati i programmi che utilizzo.

2011-06-15

Firefox: ricerca veloce di un link

Navigando in Internet capita di accedere a siti molto ricchi di collegamenti, anche se ben disegnati possono presentare difficoltà di individuazione del link necessario all'utente.
A volte mi capita di accedere a servizi presenti in portali che, giustamente, hanno lunghe serie di link per indirizzare verso la sezione corretta, se la frequenza con cui si accede al servizio non ci consente di ricordare immediatamente il posizionamento del link siamo costretti a leggerli tutti. Con Firefox ho trovato un aiuto importante con il comando di ricerca orientato ai link rappresentati da testo.
Il normale comando di ricerca è CTRL-F ma cercando una parola, ad esempio "foto" in un portale si verrà posizionati in ogni posizione in cui una parola contiene quei caratteri ma se dobbiamo cercare il link per la stampa di fotografie non ci aiuta tanto.
Si può ricorrere allora al comando ' ( lo so, sembra strano ma il comando consiste nel carattere di apice singolo, quello che nella tastiera italiana si trova nello stesso tasto del punto interrogativo ), si digita il testo da ricercare e durante la digitazione viene selezionato il primo link che contiene il testo, quando il link selezionato è quello cercato è sufficiente premere INVIO per andare alla pagina corrispondente.
Questo comando lo utilizzo spesso anche quando devo eseguire ripetutamente alcuni passaggi tra pagine, ad esempio in applicazioni WEB-based.

2011-06-14

Chiavetta K3806-Z Vodafone (ZTE) OpenSUSE 11.2 e usb_modeswitch

Dopo molti utilizzi della chiavetta in oggetto mi sono deciso a ridurre il tempo di attesa della disponibilità della modalità modem, circa due minuti dall'inserimento.
Nel mio post precedente ho descritto il modo per configurare correttamente la chiavetta ed ho accennato al problema della doppia personalità di cui "soffrono" questo tipo di chiavette: per essere installate nel sistema operativo più diffuso si mostrano inizialmente come un CD-ROM per permettere all'utente di installare il software, dal secondo utilizzo in poi il software stesso si impegna a cambiare la modalità di funzionamento. Purtroppo noi utilizzatori del sistema meno diffuso e quindi meno appetibile dai produttori di hardware dobbiamo adeguarci e trovare sempre delle vie più complesse.
Il pacchetto usb_modeswitch ha il compito di inviare ai dispositivi USB il comando necessario per passare da una modalità all'altra.
La mia OpenSUSE 11.2 non ha più un grande aggiornamento dei pacchetti e per portare ad una versione sufficientemente nuova ho deciso di passare per rpmfind.net. Ho cercato il pacchetto usb_modeswitch e ne ho scaricato la versione per la 11.3 sperando che non avesse dipendenze particolari da mettermi in difficoltà, così è stato ed ho disinstallato la precedente versione si usb_modeswitch fornita con la 11.2 ed installato i nuovi pacchetti. Ho detto i nuovi perchè il pacchetto usb_modeswitch dipende da usb_modeswitch-data

Codici a barre EAN-13 e EAN-8 con OpenOffice e font TrueType

Per la necessità di realizzare codici a barre per una richiesta da parte di un cliente/amico, mi sono messo alla ricerca di informazioni.
In passato ho già trattato codici a barre ma di altro tipo, in particolare CODE-39 per utilizzo farmaceutico, i codici EAN sono rimasti per me un segreto di cui non ho avuto finora necessità di svelare. Cerca che ti ricerca mi sono imbattuto in un ottimo blog in cui ho trovato l'inizio della soluzione; la mia necessità è quella di stampare i codici EAN-8 utilizzati spesso anche per codifiche interne e quindi senza dover ricorrere, per correttezza, alla richiesta di intervalli di codici da parte dell'organizzazione europea preposta.

2011-06-13

Visualizzazioni 2011, quelle del 2011? no, 2011 totali!

Visualizzazioni Totali 2011. Non è un numero tondo ma è uguale all'anno.

Linux Registered User #535740

Mi sono registrato come utente Linux. Era ora, é dal 1999 che lo utilizzo ma non sapevo che ci fosse questo simpatico sito in cui "ufficializzare" l'utenza.

2011-05-27

Mouse o tastiera? o altri dispositivi di input? - 4

Nella serie di articoli precedente ho fatto una panoramica sui dispositivi di input e poi sugli elementi delle interfacce utente, il mio obiettivo è quello di giustificare la mia scelta di utilizzo preponderante della tastiera a discapito di mouse, touchpad ed altro.

2011-05-24

Comando remoto via WEB per Emtec s800h - 3/3

Prosegue la realizzazione del prototipo di comando via WEB per il mio EMTEC Movie Cube s800h iniziato con il primo post e proseguito con il secondo post.
Per effettuare le modifiche al sistema è necessario connettersi tramite telnet all'indirizzo del proprio dispositivo s800h, effettuare il login con il nome utente root e non verrà richiesta la password.
Come già accennato, in base ad indicazioni trovate in altri blog, va modificato un file di sistema che si occupa dell'attivazione del programma centrale all'avvio del dispositivo, il file in questione è /usr/local/etc/rcS ed intorno alla riga 25 vanno aggiunte due righe:

2011-05-23

Mouse o tastiera? o altri dispositivi di input? - 3

Dopo aver affrontato i vari dispositivi di puntamento e la tastiera passo alla descrizione delle interfacce utente che ritengo più diffuse.
Le attuali interfacce grafiche sono formate da vari componenti differenti per aspetto ed utilizzo, esitono i menu a discesa, i bottoni, le liste, i controlli di spunta, le finestre, le suddivisioni di finestre, le barre di scorrimento, i link ed il testo ed altri ancora. Tutti questi componenti permettono di interagire con i programmi e con il sistema operativo negli ambienti attuali dotati, appunto di interfaccia grafica.

Mouse o tastiera? o altri dispositivi di input? - 2

Dopo il primo post sull'argomento, in cui ho riportato una breve panoramica sui dispositivi di input più diffusi, passo alla regina dell'input di contenuti, la tastiera.
Di solito in una tastiera il numero di tasti presenti si aggira intorno a 100, sono presenti tutte le lettere dell'alfabeto ed i numeri, alcuni tasti di controllo e comandi particolari. La disposizione dipende dalla lingua e ad essere sincero mi sono sempre chiesto perchè, capisco le differenze dovute ai caratteri della valuta, capisco la presenza di particolari vocali accentate presenti solo in alcune lingue, ma le posizioni di caratteri come le vigolette, il punto interrogativo, il trattino, non mi spiego perchè risentano della lingua, credo che dipenda dalla disposizione che avevano i tasti nelle macchine da scrivere quando ancora il problema degli standard non era ancora affrontato in termini di globalizzazione.

2011-05-22

Comando remoto via WEB per Emtec s800h - 2/3

Prosegue la realizzazione del prototipo di telecomando WEB per il mio Emtec s800h iniziato con questo post.
Cercando a fondo in Internet ho trovato il modo per interagire con il programma centrale di s800h a questo indirizzo, fornendo un file come standard input contenente alcuni comandi questi vengono eseguiti in sequenza, la pagina si riferisce ad altri dispositivi con chipset RealTek molto diffusi tra i prodotti di questo genere. A questo indirizzo dello stesso autore c'è indicato il modo per fornire il contenuto di un file come standard input al suddetto programma ed evitare che smetta di leggere raggiunta la fine del file o peggio ancora che si chiuda per errore.

2011-05-21

Mouse o tastiera? o altri dispositivi di input? - 1

Con questo post inizio a raccontare cosa penso dei dispositivi di input più utilizzati.
Personalmente preferisco utilizzare la tastiera per la maggior parte dei comandi, rimangono escluse tutte le operazioni in cui la tastiera non risulta funzionale, come ad esempio il movimento del puntatore per il disegno a mano libera o per ritagliare un pezzo di immagine oppure per spostare qualche oggetto o finestra nel desktop o alcune funzioni di drag-and-drop. Dopo questa premessa avrete la certezza che il mio parere non sarà obiettivo e non dovrete basare la vostra scelta sul mio giudizio. Cercherò comunque di affrontare l'argomento provando a motivare la mia scelta ma anche per dare qualche spunto di riflessione.
Procediamo con ordine, se possibile.
Il mouse, nato nel 1967, si è affermato con la diffusione dei computer grafici ed è da circa 25 anni un buon compagno di input della tastiera, la loro coesistenza dimostra il fatto che si completano a vicenda, dove non arriva l'uno arriva l'altra e viceversa.
Da quando ha iniziato a diffondersi si è evoluto e ne sono nate

2011-05-20

Comando remoto via WEB per Emtec s800h - 1/3

Da quando ho inziato ad usare il Media Recorder Emtec s800h sono molto soddisfatto, soddisfa a pieno le mie esigenze in termini di registrazione di programmi da TV e riproduzione film; non ci guardo le foto, non ascolto musica e non utilizzo servizi web tipo radio ed altro. Ha sostituito in pieno il vecchio videoregistrare ed il media player che avevo in precedenza.

Una caratteristica che lo rende vulnerabile è l'assenza di controllo differente dal telecomando, con il telecomando si possono scegliere tutte le funzioni dell' s800h ma se dovesse capitare che la pila del telecomando si scarica proprio quando stai per confermare la programmazione della registrazione del tuo programma preferito... sei perduto! Le pile sono di tipo tonde piatte, non le trovi ovunque e non si pensa mai al fatto che un telecomando possa finire la pila e quindi non le compri in anticipo, senza il telecomando non c'è niente da fare, l'unico controllo che puoi usare è quello di spegnimento di s800H e dimenticare il tuo programma preferito.

2011-05-19

Arduino e Android

Sapevo di non dover aspettare troppo per vedere la collaborazione tra il mio cellulare Android ed il mio circuito di prototipizzazione hardware Arduino.
Quello che non mi sarei mai aspettato era che ci pensasse in grande Google.
Invece proprio al GoogleI/O è stato presentato il Accessory Development Kit.
Un'idea tutta italiana come Arduino scelta da Google.
Ne vedremo delle belle...
stay tuned

2011-05-18

Hot-keys in Eclipse

Le Hot keys sono quelle scorciatoie da usare tramite tastiera per raggiungere i comandi di un programma o di un ambiente di lavoro.
Tutti i comandi negli attuali programmi con interfaccia grafica sono raggiungibili tramite mouse nei bottoni visibili, oppure tramite menu a comparsa (utilizzabili tramite mouse o tastiera) ed infine tramite scorciatoie le Hot-keys oppure Shortcut keys. Non tutti i programmi permettono di usarne e molte volte mi trovo a scartare un programma solo perchè non permette di usare agevolmente la tastiera per eseguire i comandi più utilizzati.

2011-05-17

Sequenze di valori con bash

Negli script serve a volte una serie di numeri o caratteri in sequenza e bash prevede la funzionalità per generarli agevolmente.
Si utilizza quella che viene definita Brace Expansion e per ottenere una lista di numeri da 1 a 7 il formalismo previsto è {1..7} , i numeri 1 e 7, separati da una coppia di punti, rappresentano il numero iniziale e quello finale, quindi provando ad eseguire:
echo {1..7}
si ottiene
1 2 3 4 5 6 7
qualsiasi comando al posto di echo otterrà gli stessi valori come parametro quindi con il comando
touch file{1.20}.txt
otterremo venti file vuoti con i nomi "file1.txt", "file2.txt" e così via fino a file20.txt.

2011-05-14

Comandi multipli con vim l'editor

L'editor vim, come il predecessore vi, permette di ripetere più volte la stessa operazione mettendo a disposizione il comando . (punto) che ogni volta riesegue il comando precedente che non sia un comando di spostamento del cursore oppure un comando : (Ex). Inoltre permette di decidere prima dell'esecuzione del comando stesso per quante volte deve essere eseguito digitando, prima del comando, il numero di volte.

2011-05-11

Magic Cube - mouse e tastiera virtuali bluetooth

Essendo interessato ad EvoMouse, come ho scritto in un post precedente, ho mandato una e-mail di richiesta informazioni al produttore, non sapendomi ancora dare una data di commercializzazione del prodotto al quale ero interessato mi hanno informato che intorno al mese di Giugno inizieranno la distribuzione di Magic Cube che svolge le funzioni di mouse e di tastiera. Come mouse ha lo stesso funzionamento di EvoMouse, come tastiera viene proiettata una tastiera sul piano della scrivania e su questa devono essere appoggiate le dita per digitare. Hanno anticipato il prezzo di 199$ che naturalmente dipendentemente dalla nazione di residenza e dalle condizioni del rivenditore il prezzo può variare.
http://www.celluon.com/products/laserkey1_3.htm?sm=2_1 è l'indirizzo per prendere visione di Magic Cube che è dichiarato essere compatibile con i dispositivi Android dalla versione 2.0, iPhone e iPad 4.0 e tutti i dispositivi con supporto Bluetooth.

2011-05-07

Eseguire comandi esterni con vim l'editor

Quando si sta editando un file capita di dover eseguire qualche comando da shell, in questo vim viene in aiuto con alcuni comandi, se va aperta una shell per eseguire una serie di comandi si può digitare:
:sh<INVIO>
e viene presentato il prompt della nuova shell nella quale eseguire i comandi, per tornare a vim va fatta terminare la shell con exit oppure <Ctrl>D.

bc - calcolatrice a linea di comando per Unix / Linux

bc è un programma presente in Unix dal 1975 e sviluppato da due programmatori dei Bell Labs, nella versione iniziale bc era un front-end al programma dc, ovvero ne semplificava l'utilizzo mettendo a disposizione una sintassi simile al linguaggio C.
Il progetto GNU ne ha realizzato una versione che non si basa più su dc ed implementa nuove funzioni.
bc essendo un calcolatore permette anche di eseguire semplici somme, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni, sembra strano ricorrere alla linea di comando per eseguire dei calcoli quando ormai, tutte le distribuzioni mettono a disposizione calcolatrici con interfaccia grafica che possono soddisfare le esigenze di calcolo che si presentano quotidianamente. Personalmente sono rimasto fedele a bc da quando il mio accesso ai sistemi Unix era limitato ai terminali a carattere.
I calcoli semplici sono di immediata formulazione, riporto un esempio di utilizzo di bc con esempi di semplici calcoli ( in grassetto i comandi digitati ):
$ bc
3*6
18
45+30
75
.+10
85 
scale=2
22/7
3.14

quit
$
Si può notare che bc non presenta un prompt e quello che viene digitato viene interpretato al momento in cui si preme INVIO ed il risultato viene mostrato nella riga seguente. se la sintassi è sbagliata o si verifica un altro tipo di errore viene indicato con il relativo messaggio; per uscire viene mostrato nell'esempio il comando quit ma un semplice <Ctrl>D è sufficiente per chiudere bc.

2011-05-05

Esecuzione del comando precedente con sudo in bash

Se vi capita spesso di amministrare un sistema Unix/Linux e, come è giusto, non avete effettuato il login come root, potrebbe succedervi, come succede a me, di dimenticare di aggiungere sudo prima di un comando che necessita dei permessi di superuser, in questo caso l'operazione più noiosa sarebbe quella di scrivere un nuovo comando iniziando con sudo e poi riscrivere interamente il comando precedente, spero per voi che non facciate in questo modo, ci sono metodi un po' più veloci, se il comando da ripetere è breve potrebbe essere accettabile ma molti comandi sono lunghi, complessi e nascondo insidie da evitare.

2011-05-03

CamScanner per Android - scannerizza e salva in PDF dal cellulare

A me capita spesso di voler prendere appunti di qualcosa che leggo in giro, un manifesto, un trafiletto su un giornale, un disegno fatto al volo parlando con qualcuno. Una buona soluzione può essere quella di fotografare con il cellulare, meglio ancora se si può già migliorarne la qualità immediatamente dopo aver eseguito lo scatto in modo da verificare se necessita di ulteriori tentativi di scatto.
Per questo può essere utile l'applicazione CamScanner che dopo aver scattato la foto permette di ritagliarla anche a forma trapezoidale in maniera tale da porre rimedio a problemi di prospettiva, dopodiché l'immagine viene migliorata in termini di colore e luminosità. I primi tentativi di scansione mi hanno dato dei buoni risultati.

Google Docs per Android

Non dovrebbe stupire che Google sia riuscita a portare i documenti on-line su Android, immagino che dal momento in cui hanno ideato l'applicazione di gestione documenti sul Web, di cui sono proprio soddisfatto, abbiano pensato che il passo seguente sarebbe stato quello di permetterne l'uso tramite smartphone o tablet e quindi un'applicazione Android.


2011-05-02

EMTEC s800h nuovo firmware r5215

 Da molto tempo non controllavo lo stato di aggiornamento dei firmware per il media player & recorder EMTEC s800h. Un paio di settimane fa, parlando con i colleghi della necessità di portare avanti la compilazione del server ftp per il dispositivo, di cui ho già scritto in passato, ci è venuta la curiosità di verificare ed abbiamo visto addirittura due aggiornamenti, r4681 e r5215 che seguono r3097 che abbiamo installato appena ricevuto. Le due nuove versioni sono rispettivamente di Novembre 2010 e Gennaio 2011; siamo rimasti indietro e quel che è peggio è che nel primo dei due è stato aggiunto il server FTP e quindi perde di importanza il nostro progetto di compilazione; peggio? Ho scritto peggio? Beh, forse meglio, d'altra parte chi meglio di EMTEC stessa può riuscire a compilare un server FTP per i propri prodotti? Ad ogni modo l'esperienza di cross-compilare non sarà del tutto fatica sprecata, magari può presentarsi l'esigenza di aggiungere qualche funzione.

Evidenziare la ricerca con vim l'editor

Con vim per effettuare una semplice ricerca si usa il comando / ( slash ), se la ricerca ha esito positivo il cursore si posiziona all'inizio della stringa trovata, inoltre, può essere utile evidenziare tutte le stringhe trovate e, se non è già abilitata dalla configurazione predefinita, si può attivare tale funzione con :set hlsearch ( abbreviato: :se hls ), in tal modo verrà visualizzata in colori inversi in modo da essere evidenziata rispetto al resto del testo. La funzione che evidenzia la ricerca può essere disattivata, quando non serve, con :set nohlsearch ( abbreviato: :se nohls ).

2011-04-29

Visualizzazioni 1000

"Mille è tanto..."
Da bambini mille viene visto come un numero molto grande, ai loro occhi appare come infinito. Quando iniziano a contare e sarebbero in grado di contare fino a mille si fermano prima perchè si stancano e quindi risulta irraggiungibile, come infinito.
Anche a me il numero mille, inteso come visite nel blog, sembrava irraggiungibile, ma Internet seguita a stupirmi e pochi post nemmeno di grande qualità, a mio parere, sono riusciti a raggiungere questo numero "magico". Di tempo ce n'é voluto, devo ammetterlo, però ammetto di essere contento e quindi di nuovo:
In alto i calici!

Copia di righe con vim l'editor

Vi o nella versione "improved" vim, va ammesso che può risultare un po' ostico. Ho usato un eufemismo? Ebbene si! Vediamo oggi come si possono copiare una serie di righe da un punto ad un altro di un file di testo con vim (l'ostico).

Supponiamo di voler prendere le righe nell'intervallo da 12 a 18 e copiarle dopo la linea 30.
I modi per poter eseguire la copia in vim sono molteplici, provo ad elencarli sperando di non risultare troppo noioso, premessa: tutte le modalità vanno eseguite partendo dalla modalità COMANDO, nel dubbio premete il tasto <ESC>

2011-04-28

Ricerca dei dati pubblici, open source applicato ai dati pubblici ovvero: trasparenza

Oggi l'attenzione va di nuovo verso la trasparenza dell'affare pubblico, sulle orme del post precedente su OpenParlamento, mi è capitato il sito spaghettiopendata.
Si tratta di un sito alimentato da cittadini che sono in possesso di informazioni per trovare i dati pubblici, notare bene, non sono in possesso di informazioni, ma sanno come raggiungerle. Le informazioni in questione sono pubbliche, non stiamo parlando di qualcosa di simile a WikiLeaks, in questo caso i dati non sono segreti ma allo stesso tempo non sono molto "pubblicizzati". L'intento di base è fornire i dati disponibili in attesa che le istituzioni realizzino in proprio un punto di raccolta su data.gov.it sulla scia di ciò che hanno fatto altri paesi. Il sito data.gov.it, al momento della scrittura di questo post, non è esistente come non lo era al momento in cui è stato creato spaghettiopendata.

Come spiegato nella pagina di FAQ, i dati vengono, o vogliono essere proposti in modo da renderli fruibili, quindi senza formati proprietari e che siano sottoposti a licenza che ne permetta il riutilizzo.

Nella pagina Dati sono presenti i link veri e propri alle banche dati, la ricerca può essere effettuata selezionando qualche caratteristica presente nei riquadri a destra, per restringere il campo. Devo dire che essendo ora presenti solo 50 banche dati il problema non si pone, in futuro è auspicabile che l'elenco cresca. Le banche dati sono categorizzate anche per qualità di riuso, ovvero quanto il formato di presentazione si presta ad essere riutilizzato, tale qualità è indicata con un numero di stelle comprese nell'intervallo da 0 a 5. Sempre nella pagina di FAQ si può capire meglio il livello di qualità che viene assegnato alle varie banche dati.

Cercando meglio ho trovato www.datagov.it che sembra avere lo stesso intento ma non realizzato ufficialmente dalle istituzioni ma da

un gruppo di esperti di diritto e di nuove tecnologie, funzionari pubblici e privati, docenti universitari ed altri componenti della società civile che si sono riuniti nell’Associazione Italiana per l’Open Government

come recita la pagina del Chi siamo del sito, seguito poi dall'elenco dei nomi dei partecipanti.

La ricerca non si ferma e trovo ancora: www.linkedopendata.it, nuovo gruppo di persone con intento simile ai precedenti, supportati da 3 aziende. In questo sito, l'obiettivo di rendere fruibili i dati, lo si insegue cavalcando il Semantic Web, al quale viene dedicata una pagina nel sito, secondo cui i dati hanno senso solo se sono collegati ad altri. Il collegamento tra i dati è reso possibile da RDF, che come spiegato non è un formato ma un modello di dati, che può essere descritto utilizzando diversi formati ma che in sostanza definisce delle triple soggetto-predicato-oggetto, quindi cosa-fa-cosa più semplicemente, in termini Web cosa-"linka"-cosa.

2011-04-25

Modem - comandi AT Hayes - Altri comandi

segue da:

Modem - comandi AT Hayes - Principi di base
Modem - comandi AT Hayes - Composizione del numero
Modem - comandi AT Hayes - Risposta alla chiamata

La configurazione di un modem può essere anche molto complessa, quando si sono impartiti comandi che hanno compromesso la capacità di connettersi al nodo remoto si può ricorrere al comando ATZ che ripristina la configurazione allo stato di accensione, quello impostato dalla fabbrica oppure modificato con il comando AT&W che salva l'attuale configurazione della memoria non volatile. Il comando AT&F ripristina nella memoria non volatile la configurazione di fabbrica.

Il modem di solito ha la funzione di eco attiva, quindi tutti i caratteri che riceve dalla porta seriale li rispedisce nella stessa porta in modo da permettere ad un eventuale utente di verificare ciò che ha digitato, per disattivare questa funzione si utilizza il comando ATE0, di solito se è un programma ad interfacciarsi al modem risulta utile disattivare l'eco in modo da non dover scartare tutte le stringhe che si ricevono come ripetizione di ciò che si è spedito al modem.

L'esito dei comandi può essere fornito dal modem nel formato testuale, ad esempio RING, CONNECT, OK, oppure in forma numerica:

Android che urla cadendo

Provate ad immaginare il cellulare che precipita nel vuoto e mentre lo fa inizia ad urlare.

Con Android si può installare un'applicazione, che se riconosce che l'accelerazione è da tale da essere paragonabile a quella in caduta libera, caccia un urlo disperato.

L'applicazione in questione, simpatica quanto inutile, si chiama Wilhelm scream ed è disponibile nel market all'indirizzo: https://market.android.com/details?id=com.jbohman.droidhelm

Per provarla non fate cadere il vostro cellulare, potreste pentirvene, oppure se non potete farne a meno fatelo cadere su un divano oppure su un letto in modo da non rovinarlo... non voglio reclami.

Una cosa buffa che ho letto è stato il commento che ho trovato relativo all'applicazione che cito testualmente dal market:

Carino ma un po pericoloso se siete dei deficenti.

     by Enrico– 17 luglio 2010
Devo dire che non mi sento deficiente, ma devo ammettere di aver tentato di verse volte di simulare la caduta libera fino a trovare l'accelerazione corretta per farlo urlare.

2011-04-23

Feed dalle News di Google

Ho già espresso il mio parere sull'utilità dei feed e sono sempre disposto a ribadirlo.
Uno dei servizi che ritengo insostituibile è quello fornito da Google con le news, qui in versione italiana; già dalla pagina principale si può accedere al feed per potersi abbonare, se il browser utilizzato non presenta un apposito tasto per i feed, c'è il link in fondo alla pagina con indicato RSS.
Oltre a raccogliere tutte le notizie le visualizza raggruppate per categorie, selezionando una categoria, facendo click sul titolo della sezione desiderata, si viene condotti alla pagina che elenca le notizie della categoria; di nuovo si può accedere al feed per abbonarsi alle notizie filtrate in base alla categoria di interesse.
Ma non sarebbe Google se non permettesse di effettuare ricerche sulle notizie disponibili con le modalità e abilità abituali di Google, quindi immettendo una o più parole nel campo di ricerca si ottengono le notizie in cui compaiono le parole specificate. Anche con questo risultato si può accedere al feed per abbonarsi ed ogni volta che l'aggregatore ne farà richiesta si avranno le notizie aggiornate che soddisferanno i termini di ricerca.
Provando a fare una ricerca semplice cercando le notizie relative ad Android, se ne otterranno le ultime notizie e l'url risultante sarà qualcosa di simile a questo:
http://news.google.it/news/search?aq=f&pz=1&cf=all&ned=it&hl=it&q=Android
In fondo alla pagina il solito link RSS ci condurrà ad un url simile a questo:
http://news.google.it/news?pz=1&cf=all&ned=it&hl=it&q=Android&cf=all&output=rss
in cui il tipo di output è RSS e quindi utilizzabile dagli aggregatori di notizie.
Le ricerche possono essere complicate a piacere, ad esempio escludendo alcune parole per eliminare dai risultati le notizie delle novità in termini di cellulari e tablet in arrivo sul mercato, per provare eliminiamo le parole -cellulare -tablet -smartphone -modello mettendo il segno meno ( - ) come prefisso di ogni singola parola. Così facendo si possono ottenere le notizie con esclusione di quelle che presentano le caratteristiche di novità di mercato.
Mi sento di aggiungere una lode al servizio di raccolta di notizie di Google che seguo da qualche anno, lo trovo molto comodo ed ho l'impressione che sia anche obiettivo, le notizie presentate non mi sembra che subiscano fastidiosi "tagli".

2011-04-22

Aspettando Kindle store in Italia...

Rimanendo a bocca asciutta per l'apertura in Germania del Kindle store, mi sono messo alla ricerca di informazioni per eBook in italiano. Naviga naviga... mi sono imbattuto in http://www.bookrepublic.it/
Intanto mi sembra il caso di segnalarlo, poi proverò a verificare se gli eBook che distribuiscono sono leggibili sul mio HTC Magic con FBReader, si può scaricare un libro gratuito di esempio per verificare se le protezioni dei diritti di autore sono compatibili con il dispositivo in uso, per informazioni aggiuntive hanno predisposto una pagina di Guida agli eReader.

Amazon apre a Kindle in Germania, a quando in Italia?

Ecco che in Germania sbarca Kindle ed il suo store, al prezzo di 139 €.
Quando è stato aperto Amazon.de? Circa 4 anni fa? Adesso arriva Kindle e tutti i libri digitali annessi.
Con un'aritmetica molto discutibile verrebbe da prevedere lo sbarco in Italia per il 2015, ma mi sento ottimista... provo a puntare sul tardo 2012.

Unix e la sua storia

Girando per blog mi sono imbattuto nel post Storia di UNIX: Ma che cosa è UNIX esattamente? in Ubuntulandia.  Lo trovo molto interessante, riassume la storia di Unix e suoi derivati, mi sembrava il caso di segnalarlo dopo aver segnalato pochi giorni fa il sito per consultare i sorgenti storici di Unix.

Aprire due file contemporaneamente con vim - gestione finestre

Il classico editor di testo vi, il mio preferito in ambienti Unix, ha un degno successore: vim che ha ampliato di molto le funzionalità messe a disposizione dell'utente.
Una caratteristica che ritengo molto utile é quella che permette di aprire due o più file e vederli nello stesso schermo che viene diviso, da righe orizzontali, per separare visivamente i contenuti dei diversi file, uno per ogni finestra.
Se all'apertura di vim si conoscono già i nomi dei file da aprire si possono fornire come parametri aggiungendo l'opzione -o; se la necessità si presenta quando la sessione di editing del primo file è già avviata si può eseguire il comando :split .

2011-04-20

Aggregatore di feed per Android

Trovo molto comodo leggere le notizie con un aggregatore di feed, di solito lo faccio con il cellulare quando mi trovo a dover attendere una persona, un mezzo pubblico di trasporto, oppure quando ho qualche minuto libero.
Con il mio cellulare Android utilizzo l'applicazione gratuita: RssDemon
La trovo comoda e di facile utilizzo, una buona soluzione per portare con se le notizie preferite. Di ogni notizia si può scegliere di evitare che si cancelli marcandola come preferita, con una stella gialla. Marcare una notizia come preferita permette approfondire in seguito la lettura, magari quando a casa o in ufficio ci si collega in wi-fi ad Internet.

Firefox 4 - riattivare il bottone dei feed RSS

Sono passato alla versione 4 di Firefox, è stato un passaggio indolore, tutto ha funzionato come volevo, in particolare le estensioni più utilizzate.
Un unica cosa ho notato che mancava, l'icona dei feed per iscriversi alle notizie dei siti, quella che, fino alla versione 3, compariva a destra del campo dell'url, arancione, con un pallino bianco in basso a sinistra e sue archi concentrici, questa:

2011-04-19

Ricerca di un comando precedente con bash - Il punto esclamativo (!)

Nel post Ricerca di un comando precedente con bash - Ctrl-R ho accennato, in un tuffo nel passato, a qualche utilizzo dei comandi per ricercare e ripetere comandi precedentemente digitati; ce ne sono tanti altri ed alcuni anche poco immediati e difficilmente memorizzabili. Ritengo che un comando per essere utilizzabile debba essere facile da ricordare, velocizzare notevolmente l'esecuzione dell'attività in corso e utilizzabile di frequente.
Come dicevo ci sono molti comandi ! o meglio il comando della shell è uno e si chiama history, con questo comando si possono ottenere gli ultimi comandi memorizzati dalla shell, davanti ad ogni comando viene riportato un numero che identifica univocamente il comando precedente.
Il carattere ! viene descritto nella sezione History Expansion della documentazione di bash in particolare ma anche di altre shell.

Formattare correttamente il codice HTML o Java da inserire in un post del blog

Più volte ho avuto difficoltà a convertire correttamente il codice HTML da visualizzare nel blog, ho trovato un servizio on-line che soddisfa l'esigenza:

http://blogcrowds.com/resources/parse_html.php


Nella pagina che viene presentata si può inserire il codice da formattare, si clicca sul tasto Parse presente sotto l'area di inserimento del testo e si ottiene il codice da riportare nel post.

La necessità mi si è presentata in particolare con la presenza dei generics di Java che nel codice vanno inseriti tra i caratteri di minore ( < ) e maggiore ( > ).

Java - convertire un array in un Set

In Java a volte si rende necessario passare ad un metodo un Set di oggetti che abbiamo a disposizione in un array, con un paio di passaggi si riesce ad raggiungere l'oggetto desiderato.
Per prima cosa si passa dall'array ad un List tramite il metodo statico asList della classe Arrays, da List si passa crea un oggetto della classe HashSet che implementa l'interfaccia Set.

Un esempio:

String nomi[ ] = new String[ ] { "Primo", "Secondo", "Terzo" };
List<String> listNomi = Arrays.asList(nomi);
Set<String> setNomi = new HashSet<String>(listNomi);


Oppure nella forma più breve:

List<String> setNomi = new HashSet<String>(Arrays.asList(nomi));

2011-04-18

Babelfish - estensione Firefox per traduzioni

Babelfish, una comoda estensione per Firefox per chi, come me, è un po' arrugginito con le lingue straniere.
La funzionalità che trovo più utile di questa estensione è quella che traduce istantaneamente le parole sopra le quali viene posizionato il puntatore del mouse, di default tale funzionalità non è abilitata ma entrando nelle preferenze di questo componente aggiuntivo si può abilitare selezionando la casella di spunta (checkbox) contrassegnata da Hover (words only). Dal momento dell'attivazione della traduzione istantanea delle singole parole, ogni volta che il mouse passa sopra una parola ne viene visualizzata la traduzione sottoforma di suggerimento. Le lingue di traduzione vengono configurate nelle preferenze oppure facendo click sull'icona che compare nella barra di stato del browser, altra comodità è la sequenza di tasti utilizzabile per invertire le lingue, ad esempio Eng-Ita ==> Ita-Eng premendo insieme i tasti Alt e Ctrl, se impostato nelle preferenze.
Per il mio utilizzo ha un unico difetto che ho comunicato all'autore chiedendone la realizzazione, ovvero passando con il mouse sopra il testo di una pagina ogni parola viene tradotta anche le più semplici e di uso comune che conosco, quindi la comparsa del suggerimento a volte infastidisce. Una buona soluzione potrebbe essere, come ho chiesto, di presentare il suggerimento solo se il modificatore Ctrl della tastiera è schiacciato, così da permettere all'utente di decidere cosa far tradurre.
Nella risposta alla richiesta che ho inviato a Netticats, l'autore dell'estensione mi ha risposto che la richiesta gli risulta interessante ma che per mancanza di tempo dovuta al suo attuale lavoro non riuscirà a soddisfare in tempi brevi, ma di inserire la richiesta nel forum dedicato all'estensione, così ho fatto.
Ma nell'attesa non ho voluto smettere di usare la traduzione istantanea perché troppo invadente, allora armato di coraggio mi sono avventurato nei meandri delle estensioni installate nel mio Firefox ed ho effettuato la modifica, ho racchiuso la parte di codice preposta alla traduzione istantanea dentro:

2011-04-17

All about Apple

A Savona c'è il museo Apple più fornito al mondo.
http://www.allaboutapple.com/blog/


E' possibile anche sbirciare con una webcam l'interno del museo: http://www.allaboutapple.com/webcam.htm

Non so se sia davvero il più fornito ma dalle informazioni che si possono leggere nel Blog ufficiale e nel Vecchio sito di materiale sembra essercene tanto.

Se dovessi riuscire a visitarlo non mancherò di aggiungere aggiornamenti e commenti.